Attualmente sei su:

01/07/14 - Il Museo della Figurina

 Museo insolito e amatissimo da grandi e bambini, quello della Figurina nasce dall’idea di un grande collezionista, Giuseppe Panini, lo stesso che nel 1961, in collaborazione con i fratelli Benito, Franco Cosimo e Umberto, decise di fondare la famosissima azienda Panini.


Fondato nel 1986 il museo mise in esposizione, per prime, numerose stampe a colori che Giuseppe Panini negli anni riuscì a collezionare. Lo stesso museo qualche anno più tardi, nel 1992 venne donato al Comune di Modena che non a caso ad oggi è conosciuta come la capitale mondiale della figurina moderna.


Chi visita oggi il Museo della Figurina a Modena ha la possibilità di fare una vera e propria scorpacciata di figurine, quelle che hanno fatto sognare almeno tre generazioni di appassionati, ma anche di ammirare stampe antiche, bolli chiudilettera, carta moneta, menu, calendari e tanto altro ancora: insomma la visita al museo è un vero e proprio tuffo nel passato.


Aperto al pubblico dal 2006 il Museo della Figurina è oggi ospitato nel bellissimo ed elegante Palazzo Santa Margherita (Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103, 41121 Modena) che condivide con la Biblioteca Delfini, la Galleria Civica e l’Istituto Superiore di Studi Musicali.


Durante la passeggiata ospiti del museo si avrà la possibilità di ammirare, custoditi in 6 grandi armadi espositori, ben 44.000 figurine Liebig e 500.000 figurine e materiali affini. La mostra permanente è la più sostanziosa e consta di almeno sei sezioni: gli antecedenti, la cromolitografia, la nascita e la diffusione, la Liebig, non solo figurine e la figurina moderna. Periodicamente, alla mostra permanente ne vengono associate di temporanee sempre affini al mondo della figurina e del divertimento.


Tutti gli appassionati potranno visitare il Museo della figurina dal mercoledì al venerdì dalle 10,30 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,30 e il sabato e la domenica dalle 10,30 alle 19,30. Il lunedì e il martedì il museo è chiuso.
L’ingresso è rigorosamente gratuito e per avere maggiori informazioni è possibile contattare il museo telefonicamente (tel: 059 2032919 - 059 2033090)o tramite invio di email.